#Benvenuto, questo è il portale dei giovani del Movimento per la Vita italiano.

Se sei uno studente delle scuole superiori o dell'università puoi partecipare al 29° Concorso Europeo. Nel sito trovi le indicazioni per partecipare!

Latest Post

Creati perché la donna tornasse a sorridere



Il racconto di una vita da volontaria CAV 

Sono ormai trentotto anni che faccio parte del Movimento per la vita, dal momento della mia conversione, avvenuta nel 1976 e partecipai ad un incontro, a Firenze, dove si relazionava sull’operato del primo Centro di Aiuto alla Vita (CAV), dopo un anno dalla sua nascita.
La conoscenza di Dio fece sorgere in me una serie di domande: chi sono? Perché Dio ha voluto che esistessi? A che serve la mia vita? Come l’ho vissuta prima d’ora?
Dopo molte riflessioni, ho capito che la vita è un grande dono, ho capito che questo dono ricevuto dovevo a mia volta ridonarlo, ma a chi? Al mio prossimo, a colui che mi sta accanto, al fratello che ogni giorno incontravo; capii, quindi, che dovevo cambiare il mio modo di essere ed impegnarmi in qualcosa che fosse degno della mia esistenza.
Ero insegnante, ma come svolgevo la mia professione? Il mio prossimo erano i giovani studenti e i miei colleghi, dovevo innanzitutto rivolgere lo sguardo a loro, guardarli e amarli come persone aventi una grande dignità con tutti i loro pregi e difetti. Ma Dio non voleva solo questo e si manifestò subito la sua volontà, dovevo andare oltre, interessarmi della vita di tutti e, per una serie di circostanze, della vita nascente; comunicare agli altri che la vita con le sue gioie e i suoi dolori, doveva essere spesa per chi, creato ma non ancora nato, aveva il diritto di viverla.
In tutti questi anni ci sono stati momenti di gioia e di grande dolore, specialmente quando ci troviamo di fronte ad una madre che decide di sacrificare la creatura che porta in grembo e non riesci a persuaderla a portare avanti la gravidanza. Ecco il compito difficile al quale siamo chiamati, se operiamo nei Cav.
Ma anche momenti di grande gioia.
Qualche decennio fa la donna in attesa di un figlio era guardata  con spontanea ammirazione, con compiacimento; il senso di ciò che avveniva in lei era colto da tutti generalmente come un evento naturale e positivo. Nella società attuale è venuta meno questa evidenza, assieme ad una perdita di valori. La gravidanza può essere considerata positiva o negativa a seconda di come viene vissuta o percepita dalla coppia o dalla donna.
Per esperienza vissuta da anni l’operatrice del CAV sa che una donna difficilmente trova nel contesto della società delle valutazioni positive e quindi sostegno. E’ perciò compito dell’operatrice cercare di sollecitare risposte personali, vincere le paure e dar spazio alle speranze, affinchè venga riconosciuta all’evento la connotazione positiva. La donna vive un momento di tempesta emozionale, talora di crisi, anche nel caso in cui la gravidanza è stata accolta favorevolmente. La donna deve rimettere in discussione se stessa, la sua identità, essa vive l’evento con una ambivalenza in cui, a momenti di gioia, di attesa fiduciosa, di serenità, si alternano momenti in cui rimetterebbe tutto in discussione.
La donna amata non abortisce, infatti spesso le cause principali degli aborti sono la mancanza di aiuto, di collaborazione, di accoglienza dell’uomo, l’abbandono, il disinteresse. 
La donna ha bisogno di essere ascoltata e compresa. Deve avvertire che i suoi problemi stanno diventando anche problemi dell’operatrice. Il silenzio in certe occasioni è significativo. Lo scopo principale è quello di capire veramente la situazione della donna. Il Cav si pone accanto alla donna, rispetta e accoglie la donna, qualunque cosa ella decida.
Francesca, Alessia, Lavinia, Teresa,…. (nomi di fantasia) hanno saputo dire sì alla vita e sono tornate con il loro bambino felici, sorridenti, fiduciose. E in quel sorriso c’era il loro ringraziamento.


GIULIANA ZOPPIS

Iphone, Modello, Mockup, Mock-Up, Iphone 6, Black

Ci dicono i Vescovi oggi, in questa 38° Giornata per la Vita da loro indetta, che “la misericordia farà rifiorire la vita: la vita dei migranti respinti sui barconi, la vita dei bambini costretti a fare i soldati, la vita degli anziani abbandonati negli ospizi, la vita di chi è sfruttato, la vita di chi non vede riconosciuto neppure il diritto a nascere. 

E’ di questi ultimi che il volontariato per la vita si occupa in modo specifico, pur nel pensiero per tutti. Come? Anche attraverso il Servizio che abbiamo chiamato SOS VITA, che è fatto dai 355 Centri di Aiuto alla Vita in Italia, da una rete telefonica che risponde 24 ore su 24, da una presenza sul web di un gruppo di volontari e volontarie: un servizio a tre livelli strettamente collegati con uno scopo unico, quello di accogliere chi è in difficoltà per aiutarlo ad accogliere la vita che è giunta inattesa. Molte sono le storie di donne in attesa di un figlio inatteso e fortemente combattute tra “eliminare” il problema sotto la spinta di genitori, compagni, amiche oppure accogliere la vita che già vedono nelle ecografie e già sentono parte di loro. 
C’è la storia di Alice, accompagnato virtualmente con sms, messaggi vocali su WhatsApp e Facebook, fino a quando è scesa dal lettino dell’ospedale rinunciando all’aborto e annunciando felicemente che il figlio, accolto, nascerà. Fidelia: il cui volto gioioso e i cui gesti di tenerezza commovente, mentre abbraccia il figlio e lo mostra come segno e scopo di una vita che - passata attraverso la drammatica esperienza della strada – sono segni di quella ripresa fatta possibile attraverso la collaborazione fra cav, ma soprattutto alla capacità di accogliere con amore e far comprendere le potenzialità per una rinascita. 
Ora Fidelia lavora come operatrice sanitaria ed è indipendente. Ma c’ anche la lettera ricevuta da Anna che invece non ce l’ha fatta e scrive ora alla volontaria “quante volte mi hai detto che un figlio un po’ di panico lo crea sempre? Tante, forse troppe e nonostante ciò io ho continuato a pensare che non era il momento giusto. Ad oggi ti dò ragione, il momento “giusto” non esiste, non esiste per un “figlio”. Nessuna paura valeva tanto quanto la vita di mio figlio, ma l’ho capito troppo tardi…”. Particolarmente attraverso il web si rivolgono a noi giovani donne osteggiate da quelli che dovrebbero essere gli affetti più cari: i fidanzati che fuggono dalle proprie responsabilità e le madri incapaci di dare fiducia alle figlie. Il denominatore comune è fatto di solitudine, di fatica a reagire a quanti non vedono altro che “il problema”. 

Rita Ruotolo, volontaria SOS Vita e CAV Promozione Vita di Torino

L’uomo è l’oggetto.

 L’uomo è un oggetto al pari degli altri da smontare e rimontare, da modificare e sperimentare. Così il trattamento che fino ad oggi era riservato al massimo alle cavie da laboratorio  riguarderà anche gli embrioni umani.

Il Regno Unito si prepara a dare il via libera alla ricerca su embrioni umani geneticamente modificati. Un via libera che permetterà attraverso il sistema dal “gene editing” di creare uomini geneticamente modificati, portando così la scienza ad un passo dalla creazione di una nuova umanità.
In passato alcuni scienziati cinesi della Sun Yat-sen University hanno condotto simili ricerche senza specificare in modo chiaro i protocolli seguiti e gli esiti ottenuti. 

Questa volta i ricercatori britannici guidati da Dr Kathy Niakan vogliono mettere in piedi una sperimentazione rigorosa su oltre 120 embrioni per una durata di sette anni. Il progetto ha appena avuto il primo permesso dall’autorità pubblica competente, la Human Fertilisation and Embryology Authority (HFEA) oltre a raccogliere il plauso scontato del direttore del Francis Crick Institute che ospiterà l’esperimento. Ora è atteso il via libera da parte del comitato etico. Una volta ottenuto i primi test inizieranno a marzo  per l’estate il gruppo inglese conta di avere tra le mani il primo embrione geneticamente modificato.


Gli embrioni saranno destinati solo alla ricerca in laboratorio e non sono destinati all’impianto, rassicurano... Come se questo ne cancellasse l’umanità e la dignità. Al contrario sapere il loro impianto sarà negato in partenza non fa che aggiungere altre note stonate a un progetto già controverso. Fortunatamente in Italia il Comitato Nazionale di Bioetica l’embrione è un essere umano a tutti gli effetti e lo hanno ribadito anche i cittadini europei con la recente iniziativa Uno di Noi che ha chiesto alla Commissione Europea di conformare a questa verità le proprie politiche di finanziamento alla ricerca. Un anno fa Bruxelles si è rifiutata di ascoltare questo appello, chissà se cambierà idea oggi che è divenuto  ancora più urgente. 

TE

30 GENNAIO : IL POTERE dei SENZA POTERE



Sembra evocare il libro di Vaclav Havel (“Il potere dei senza potere”) quanto abbiamo vissuto nel maggio 1978 davanti al Senato, lo scorso 20 giugno in piazza S. Giovanni e quanto rivivremo il 30 gennaio prossimo al Circo Massimo.
Allora (maggio ’78) perché non si approvasse il ddl sull’aborto; oggi perché non abbia il placet di Palazzo Madama l’equiparazione delle c.d. unioni civili al matrimonio, con i noti devastanti effetti sui figli. Allora, un minuscolo drappello; oggi, grazie a Dio, al Comitato “Difendiamo i nostri figli” e a quanti lo supportano, moltissimi, come l’incontro dello scorso 20 giugno ha testimoniato. Allora, per difendere il diritto alla vita dei più piccoli e indifesi; oggi, per tutelare il diritto dei figli ad avere un padre e una madre. Allora, a far fronte alle enormi bugie delle cifre alterate (milioni di aborti clandestini, centinaia di migliaia di donne morte in seguito ad essi), poi smascherate dall’unico studio scientifico, quello del prof. Colombo, ordinario all’Università di Padova; oggi, tesi a sbugiardare, per esempio, il numero delle coppie omosessuali con figli, che non sono “centomila”, come molti vogliono farci credere (anche quotidiani di larga tiratura), ma 529 unità (v.ultimo censimento ISTAT). Cifre gonfiate ad arte per montare, oggi come allora, una campagna umanitario-emotiva capace di impietosire la pubblica opinione e propinarle come atto di “giustizia” l’equiparazione delle unioni civili al matrimonio.
Oggi come allora, quindi, una generale mobilitazione delle coscienze per difendere i senza potere, quelli che non hanno voce, i piccoli, gli indifesi. E ciò, paradossalmente, nel pieno di proclamazioni, anche internazionali, anteponenti a tutto, giustamente, il supremo interesse del minore. Salvo poi disattenderlo sovente nei fatti e nelle leggi. E, quel che più conta, volutamente dimentichi come la primissima relazione che tutti, come figli, abbiamo intrattenuto, è stata quella con la madre nel suo ventre, in un dialogo materno-fetale incrociato, biologico ed empatico al contempo. E come l’ambiente più vantaggioso per il bimbo, la sua crescita umana e la sua identità, sia quello rappresentato da un papà maschio e da una mamma femmina. Cosa documentata ampiamente dalla ricerca scientifica e corroborata dall’esperienza.
Come si può ammettere allora l’utero in affitto, atteso che quell’utero che ha portato il bimbo E’ LA SUA MAMMA, e che in tal modo il bimbo sarà orfano di madre, causando un “buco” biologico insanabile, che nessuna coppia omogenitoriale potrà mai colmare? Ecco perché qualcuno autorevolmente (Possenti) ha definito la pratica dell’utero in affitto “crimine contro l’umanità”! E perchè si stravolge il nobile istituto dell’affido, per rendere socialmente accettabile una forzatura non solo del diritto, ma primariamente del supremo interesse del figlio? Perché incrementare, con l’intero impianto del ddl, la già preoccupante denatalità che affligge non da ieri l’Occidente, conferendo al nostro Paese un triste primato mondiale?
Per tutto questo quella del 30 gennaio prossimo sarà una bella piazza. Non solo perché nata dal basso, formata da gente comune, da tante famiglie, da tanti singoli,ecc. preoccupati per quanto sta accadendo a livello parlamentare. Non solo perché aperta a tutti, quindi laica, civile, democratica, rispettosa di tutte le opinioni. Ma perché sintomatica del “POTERE dei SENZA POTERE”: quello dei piccoli e delle famiglie, che non possono votare in Senato o alla Camera, che i potenti non intendono ascoltare,ma che da sempre garantiscono il futuro di ogni società, in quanto formidabile risorsa per la persona e per il bene comune, attraverso la generazione e l’educazione dei figli- e quindi il perpetuarsi delle generazioni- e il loro ruolo di ammortizzatore sociale, tantopiù nel contesto dell’attuale crisi.
E’ un potere valoriale e sociale incommensurabile, che ha il futuro in mano e che, nonostante la latitanza di politiche familiari, è destinato inesorabilmente a vincere.


                                                                                             PINO MORANDINI
Vicepresidente Vicario del Movimento per la Vita Italiano

DDL Cirinnà: perché siamo contrari



“La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale, fondata sul matrimonio”. Lo stabilisce, dopo un ampio dibattito in Costituente, la nostra Carta fondamentale (art. 29). Ed è a questa famiglia che, dunque, vanno riservate particolari tutele oltre a quelle già garantite a tutti i singoli cittadini con gli articoli 2 e 3.

Non si tratta di un principio che introduce benefici speciali per chi decide di condividere la propria vita per motivi affettivi, ma è il riconoscimento che la famiglia si fa carico di funzioni onerose indispensabili per lo sviluppo, non solo numerico, di tutta la collettività.

La stabilità della famiglia non è mera garanzia di mutuo sostegno fra i coniugi: è, soprattutto, elemento di sicurezza per i figli che nella famiglia vengono generati, custoditi per molti anni e preparati all’ inserimento positivo nella società attraverso l’impegno educativo dei genitori.

E’ così per la natura stessa della specie umana che, non essendo guidata da semplici istinti primordiali, necessita da sempre di un lungo periodo di assistenza genitoriale per imparare ad usare al meglio il “dono” della libertà e quindi della responsabilità personale.

Nella società moderna è inoltre indispensabile un lungo periodo di formazione e di studio che va, anche questo, non soltanto a beneficio dei singoli ma dell’intera società.

Da molti anni, tuttavia, è andato crescendo il numero di coppie di fatto che non possono - o non vogliono -contrarre matrimonio e all’interno delle quali nascono - o possono nascere – figli. Pure in aumento è il numero di coppie dello stesso sesso che decidono di convivere ma che, ovviamente, non possono generare figli. Anche queste condizioni richiedono una regolamentazione che, peraltro, non può essere identica a quella prevista dagli articoli 29, 30 e 31 della Costituzione riferite alla famiglia naturale.


Tutto questo non può non incrociare un principio, elementare, che sta alla base di ogni norma giuridica: non si possono trattare allo stesso modo situazioni diverse.

La sostanziale ed esplicita equiparazione tra le norme in essere a favore della famiglia naturale fondata sul matrimonio e quelle previste dal DDL (disegno di legge) Cirinnà relative alle unioni civili sia etero che omosessuali - come risulta dal frequente rimando alle formule che il codice civile adopera per disciplinare l’unione fra coniugi - non è quindi accettabile. Sono situazioni palesemente diverse e diversamente devono essere trattate.


Nel DDL Cirinnà la costituzione, e la eventuale dissoluzione, delle coppie di fatto, etero o omo sessuali, sono estremamente semplificate. La stessa presa d’atto della fine del rapporto è resa immediata, salvo il caso di rinvio per un anno quando la separazione non sia consensuale.

Non è difficile prevedere che in un futuro non lontano vadano ad aumentare rapidamente le coppie che scelgono la convivenza civile al posto del matrimonio, data la parità di trattamento delle due condizioni e la maggior facilità di costituzione e dissoluzione della coppia di fatto (peraltro a costo zero), in confronto alle lungaggini e ai costi del divorzio, anche dopo le recenti norme sul “divorzio breve”.

Le conseguenze sociali ed economiche della facilitata instabilità delle coppie di fatto sono immaginabili. E’ legittimo il sospetto che vi sia - non soltanto da noi - un disegno strategico per distruggere la famiglia con lo scopo, spesso per conto e sotto la guida dei cosiddetti “poteri forti”, di aumentare il potere di controllo sui singoli cittadini da parte di chi governa. La preoccupazione maggiore riguarda le giovani generazioni che, venendo meno o frammentandosi l’azione educativa da parte dei genitori, potranno essere più facilmente in balìa del “pensiero unico” dominante.



Ancora diversa è l’unione civile fra persone dello stesso sesso.

Queste non hanno né possono avere per legge di natura gli oneri che derivano dalla generazione dei figli. Hanno il carico – comune anche per i coniugi e per le convivenze etero sessuali - che deriva del mutuo aiuto e dalla reciproca assistenza. Per questa importante funzione sociale può essere ragionevole un riconoscimento da parte della collettività. Ma non sembra giusto che a fronte di oneri diversi corrispondano uguali riconoscimenti.

Da questo “limite” nasce la richiesta insistente del “diritto” all’adozione, che il DDL Cirinnà prevede, almeno sotto la forma di “stepchild adoption” (in buon italiano - al quale dovrebbero attenersi anche tutti i nostri organi di informazione - adozione di un figlio naturale di uno/a dei componenti la coppia) o di “affido rafforzato” come da recenti proposte di emendamento.

A sostegno di questa possibilità si adduce l’ipotesi (peraltro scientificamente non provata) che, per la loro equilibrata crescita affettiva ed emozionale, i figli non hanno bisogno delle due figure - maschile e femminile - come è in natura.

Anche in questo caso si tratta di scelte “adultocentriche”, così definite dal segretario CEI Mons. Galantino in una recente intervista, che non tengono conto dei diritti dell’infanzia i quali, come affermato nei solenni documenti di valore “universale” sottoscritti anche dall’Italia, devono prevalere su ogni altro diritto.

Per quest’ultimo motivo, e per gli altri sopra tratteggiati, il DDL Cirinnà, così come formulato, non si può condividere. Per tale disegno di legge, come per altre leggi italiane che toccano valori di fondo radicati nella nostra cultura, mi pare fuorviante sostenere che occorre adeguarsi alle richieste della Commissione Europea o affermare ripetutamente (come viene fatto anche attraverso i mezzi di comunicazione), che “siamo indietro” rispetto ad altri Paesi di Europa. E’ infatti vero che ci viene richiesta una normativa per le unioni civili, comprese quelle omosessuali, ma non vengono certo imposti i contenuti.

Ci sia dunque una legge, ma non si faccia un “guazzabuglio giuridico” che finisce per distruggere il concetto stesso di famiglia.

Non basta mostrare i muscoli alla Commissione europea quando si tratta di questioni economiche o finanziarie. Rivendichiamo con fermezza la nostra identità culturale senza farci influenzare o subire presunte “imposizioni” da chi si ispira a ideologie fondate su falsi concetti di libertà e alimentate da interessi commerciali o da egoismi personali più che su criteri di solidarietà e di rispetto soprattutto verso i più fragili. Con orgoglio e fermezza non facciamoci dettare strade che, alla lunga, potrebbero diventare assai pericolose per tutta la nostra comunità, non solo nazionale, ma anche per quella europea, che sta diventando sempre meno “faro di civiltà” per il mondo intero.




Rivolgiamo dunque alle forze parlamentari un concreto – e decisamente laico - appello in favore di una impostazione realistica: specie su temi così delicati e controversi, sarebbe saggio mettere da parte le forzature divisive e cercare equilibri su ciò che certo unisce.

ANGELO PASSALEVA
Presidente CAV Firenze

Mamma segreta

Il Parto in anonimato è tutelato dalla legge, a garanzia dell'anonimato della madre per salvaguardare la vita del bambino

Forse non tutti sanno che in Italia è possibile, per la madre, partorire in ospedale in tutta sicurezza senza per forza tenere con sé il bambino. 

Si chiama "parto in anonimato" ed è previsto dal DPR 396 del 2000, art. 30.
Grazie a questa norma, è possibile semplicemente evitare di figurare come la madre del bambino.

E che ne è del bambino?

Il bambino viene prontamente dichiarato adottabile dal tribunale dei minori, che prelude alla sua immediata adozione.
Vi sono moltissimi potenziali genitori adottivi in lista per una adozione, e quindi non esiste il rischio che il bambino rimanga davvero abbandonato.

Si è ultimamente parlato, in Italia, di una revisione di questa regola. Questo perché il bambino, crescendo, si fa delle domande sulla sua madre biologica e inevitabilmente la ricerca.
Al momento, questo desiderio del bambino, diventato grande, viene frustrato, nel senso che l'anonimato della madre è (ancora) tutelato in modo assoluto.
Può sembrare crudele dal punto di vista del bambino adottato, ma il senso è proprio quello di evitare qualsiasi scrupolo che la madre possa avere, al momento della decisione, sul fatto di lasciare il proprio bambino. Il pensiero di essere, un domani, chiamata alle sue responsabilità di madre, potrebbe indurla a rinunciare al parto in anonimato, abbandonando semplicemente il bambino, magari in un cassonetto.

Si è parlato, ultimamente, di modificare questa regola, mettendo la possibilità per il figlio di chiedere, rispettando la riservatezza della madre, se è intenzionata a conoscerlo, e solo in questo caso può essere svelato il nome della madre segreta.
Ciò tutelerebbe la riservatezza della madre, che dà senso al parto in anonimato, ma anche il legittimo desiderio del figlio di conoscere sua madre, o quanto meno di averne una speranza.

Se volete ulteriori informazioni, è facile trovarle utilizzando parole come "parto in anonimato" e "mamma segreta" sui motori di ricerca, aggiungendo poi il nome della regione in cui si risiede. Infatti la sanità è competenza regionale, e spesso le regioni fanno norme ad hoc.
Ad esempio la Regione Toscana ha creato uno specifico progetto. Qui la locandina.
Vi sono progetti e protocolli simili in molte regioni.
Ovviamente ne sono ben informati i nostri centri di aiuto alla vita.

Su questo stesso blog abbiamo pubblicato un articolo su un caso di parto in anonimato. La figlia che è nata ringrazia la madre, chiunque sia, di non averla abbandonata. LEGGI

Movit Firenze e Siena: l'ultimo Aperivita dell'anno

Vi aspettiamo al "Rifrullo" sabato 19 



E così anche quest'anno è trascorso. 

Un anno molto importante per il Movimento per la Vita, che ha un nuovo direttivo e un nuovo Presidente. 
Un anno importante per la Federazione Toscana, che anch'essa si è rinnovata.  

Un anno importante per il Movit di Firenze e Siena, che ha ospitato un Quarenghi, ha parlato di fecondazione eterologa e di obiezione di coscienza nelle università con conferenze di livello accademico ed una buona affluenza, e ha anche portato avanti il concorso "Words for Life", premiando una studentessa dell'Università di Pisa con un bellissimo Ipad Mini, integralmente finanziato dalla Agenzia per il Diritto allo Studio Regionale. 

E naturalmente anche il Movit di Firenze e Siena si è rinnovato, come ogni anno. Quest'anno abbiamo un presidente nuovo in Giuseppe Maria Forni, dell'università di Firenze. 

Ci viene dunque spontaneo il desiderio di vederci per premiare noi stessi del bellissimo anno trascorso insieme, dell'impegno profuso e, non ultimo, per il S. Natale che è alle porte. 

Non potete mancare! 
Ci vediamo al Rifrullo in via S. niccolò alle 19,30, sabato prossimo! 
Appuntamento a sabato per chi verrà, e per chi non verrà... auguri di Buon Natale! 

Tristezza e rammarico a Padova: "non arrendersi all'aborto"

Apprendiamo con tristezza e rammarico del feto di una giovane coppia abortito e sepolto nel padovano. Le operatrici dei Centri di aiuto alla vita veneti si trovano quotidianamente a fronteggiare le difficoltà che una coppia o una donna sola incontrano in una gravidanza imprevista o difficile. Offrono sostegno e aiuto, toccando con mano la gioia delle mamme aiutate ad accogliere il loro figlio. Incontrano e condividono il dolore profondo delle donne che in varie circostanze e per vari motivi si sono arrese all’aborto.

Condividiamo e sosteniamo quanto dichiarato dal presidente del Movimento per la vita italiano Gian Luigi Gigli: “A tutte le ragazze che si trovassero in difficoltà ribadiamo la disponibilità dei Centri di Aiuto alla Vita a dare una mano concreta. Ricordiamo anche che in Italia è possibile il parto in anonimato in ospedale e che il Movimento per la vita ha aperto negli anni una rete di “Culle per la vita” per chi, malgrado la possibilità di anonimato, non volesse partorire in ospedale … quel feto abortito e seppellito ci ricorda con grande evidenza che i non nati sono esseri umani, sono piccoli o piccolissimi bambini che meritano di essere portati alla luce anche fornendo tutti gli aiuti necessari ai loro genitori”.

Presidente della Federazione Veneta dei Centri e Movimenti per la Vita
Bruna Rigoni

Incontro: Fecondazione eterologa, prospettive e problemi


Il 26 novembre presso il Dipartimento di Giurisprudenza di Siena si è svolto il seminario: "Fecondazione eterologa: prospettive e problemi", a cui hanno partecipato Assuntina Morresi, dell’Università di Perugia e membro del Comitato Nazionale di Bioetica, Claudio Sartea, docente di Filosofia del diritto presso l’Università Tor Vergata, Giuseppe Grande andrologo ed endocrinologo presso l’I.S.I. dell’Università Cattolica, Vincenzo De Leo, prof. associato di Ginecologia dell’Università di Siena e Direttore del Centro di Diagnosi e Cura della sterilità di coppia. Stefania Saccardi, assessore regionale alla Sanità, non potendo essere presente, ha inviato quale suo rappresentante il dott. Valtere Giovannini, Commissario dell’area vasta sud-est. 

L’edizione senese è stata preceduta da un’edizione fiorentina, nell’ottobre del 2014, sempre organizzata dal Movit di Firenze e Siena. Giuseppe M. Forni, presidente del gruppo studentesco, è riuscito a mettere allo stesso tavolo relatori con idee, anche diametralmente, opposte, che il prof. Angelo Passaleva ha moderato in modo delicato ma allo stesso tempo determinato. Il Movit ha dato occasione al più antico ateneo della Toscana, fondato nel 1240, di essere luogo di scambio franco e schietto fra idee diverse, aiutandolo a svolgere un servizio pubblico realmente laico. Il seminario si colloca all'interno di diverse iniziative che l'ex presidente dell'associazione Giovanni Gori ha inaugurato, tra le quali il concorso: "Words for Life", realizzato insieme all'Azienda regionale per il diritto allo studio della Toscana.
M. A.
 
Support : Creating Website | Johny Template | Mas Template
Copyright © 2011. Prolife.it Giovani Movimento per la Vita Italiano
Template Created by Creating Website
Proudly powered by Blogger